domenica 20 ottobre 2019
  |  Login
Proposte  * Dante Alighieri
 

Rivolta principalmente ai comitati italiani ed esteri della Società Dante Alighieri, la proposta è stata ideata nel 2015 in occasione del 750° anniversario della nascita di Dante Alighieri e rimarrà nell'offerta culturale del Progetto Bel Canto fino al 2021, anno in cui ricorrerà il 700° anniversario della morte del Sommo Poeta. La prima realizzazione dello spettacolo è avvenuta presso il Teatro Leonardus di Bogotà, per poi essere replicata presso la Great Hall della Witwatersrand University di Johannesburg e il Théâtre Bouchaib Bidaoui di Casablanca. L'organico previsto per la realizzazione di questa proposta è il Bel Canto Ensemble nella formazione di quintetto (soprano, flauto, clarinetto, corno e pianoforte), con la collaborazione del basso Michele Bruno. Quest'ultimo, vestito come nella classica iconografia dantesca, reciterà un copione in prosa e versi, scritto appositamente da Eva Iannuzzi e Roberto Coscia De Cardona e ispirato alla Divina Commedia. La recitazione, accompagnata da un continuo sottofondo musicale al pianoforte, si alternerà agli interventi musicali del Bel Canto Ensemble, che prevedono talvolta la partecipazione del soprano, talvolta quella del basso. Il repertorio del contributo musicale comprende sinfonie, arie d’opera e arie da camera di compositori italiani (Giuseppe Verdi, Gioacchino Rossini, Gaetano Donizetti, Giacomo Puccini, Claudio Monteverdi, Arrigo Boito e Giulio Caccini) che hanno messo in musica i versi della Divina Commedia, oppure che richiamano nelle loro opere le ambientazioni, i personaggi o le vicende storiche in essa contenuti. Il tutto verrà impreziosito dalla continua proiezione di immagini in movimento per tutta la durata dello spettacolo, per rendere visivi i contenuti della recitazione. Lo spettacolo, della durata di 100 minuti circa, verrà diviso in due parti: la prima ambientata nell’Inferno, la seconda nel Purgatorio e nel Paradiso. La realizzazione dello spettacolo avverrà in forma semiscenica, sia attraverso la proiezione delle immagini in movimento, sia attraverso la disposizione sul palcoscenico di oggettistica attinente le diverse ambientazioni della Divina Commedia, prevedendo un rapido cambio di scena tra la prima e la seconda parte. 
 
JOHANNESBURG, Wits Great Hall
 
BOGOTA', Teatro Leonardus